La legge sulla maternità surrogata nei diversi Paesi del mondo

La maternità surrogata in Ucraina è regolamentata dai seguenti atti legislativi. Il Codice di Famiglia dell'Ucraina, entrato in vigore il 01.01.2004, ha legalizzato la surrogazione. L'articolo 123 di questo documento stabilisce che i genitori di un bambino nato da una madre surrogata sono coniugi, poiché il loro materiale biologico è stato utilizzato per la fecondazione. Di conseguenza, solo i coniugi legalmente registrati possono partecipare a una relazione di surrogazione. Gli individui (maschi o femmine) o le coppie che vivono in un matrimonio di fatto sono privati di questa possibilità.

La legislazione italiana nel campo delle tecnologie riproduttive assistite è piuttosto conservatrice. La Legge italiana del 19 febbraio 2004, n. 40 "Sulle Norme delle Tecnologie Riproduttive Assistite", non solo proibisce completamente la maternità surrogata, ma limita anche severamente altre tecnologie riproduttive (art. 12, 6° comma, Legge n. 40/2004, contenente le regole sulle tecniche di inseminazione medica). Questa legge proibisce i programmi riproduttivi di terzi, vale a dire la maternità surrogata e la donazione, così come la crioconservazione degli embrioni.

Anche qualsiasi pubblicità della maternità surrogata è proibita. Per organizzare e assistere nell'implementazione di tale metodo di parto, la legge italiana prevede responsabilità - reclusione per un termine da tre mesi a due anni e una multa, che può raggiungere fino a un milione di euro.

La maternità surrogata (GPA) è l'atto mediante il quale una donna ("madre surrogata") porta in grembo un bambino per conto di una "coppia di futuri genitori" ai quali il bambino sarà consegnato dopo la nascita. Si tratta di una forma di riproduzione medica che coinvolge l'impianto di un embrione ottenuto tramite fecondazione in vitro (FIV) o inseminazione nell'utero della madre surrogata. A seconda dei metodi utilizzati, i membri della coppia sono i genitori genetici del bambino, i genitori intenzionali hanno solo un legame genetico parziale con il bambino o nessun legame genetico.

Riepilogo della legislazione nel campo della maternità surrogata

La regolamentazione legale della maternità surrogata in Spagna è considerata da due prospettive. Da un lato, una serie di leggi e regolamenti evidenziano esplicitamente l'illegalità di questa procedura in Spagna. Dall'altro, c'è un'integrazione delle normative spagnole e delle decisioni giudiziarie verso il riconoscimento dei bambini nati tramite maternità surrogata in Spagna, ma attraverso una procedura legale ben definita.

In Germania, la gestazione surrogata è regolata dalla Legge sulla Protezione degli Embrioni (EschG), approvata nel 1991. Questa legge limita l'uso delle tecnologie riproduttive per scopi che potrebbero portare alla gestazione surrogata, rendendo illegale l'impianto di un embrione in una donna che non ha intenzione di tenere il bambino con sé dopo la nascita (madre surrogata).

Secondo la sezione 1, paragrafo 1, n. 7 della legge, è un reato penale eseguire operazioni di gestazione surrogata, con pene che vanno da tre a cinque anni di reclusione per il medico che le esegue. Questa severità è dovuta principalmente al fatto che la legge tedesca considera la gestazione surrogata una violazione dei principi etici e morali.

La maternità surrogata in Grecia ha caratteristiche proprie che rendono questo Paese una destinazione attraente per le coppie internazionali che vogliono realizzare il loro sogno di genitorialità. Ecco alcune delle caratteristiche della maternità surrogata in Grecia:

Legislazione:
La Grecia ha una legislazione chiara e strettamente regolamentata sulla maternità surrogata. Nel 2014 il Paese ha approvato una legge sulla maternità surrogata che stabilisce i diritti e gli obblighi legali di tutte le parti coinvolte. Questa legge protegge i diritti dei genitori in attesa, delle madri surrogate e dei bambini nati tramite maternità surrogata.

Il seguente parere legale illustra la legalità e la procedura della maternità surrogata gestazionale nella TRNC e la legalità e la procedura dei cittadini stranieri che chiedono la paternità del/i bambino/i nato/i da una madre surrogata e che ritornano nel loro Paese di residenza. La base giuridica della maternità surrogata in TRNC è determinata dal numero della legge 57-2014, Legge sulle norme per il trasporto di cellule, tessuti e organi umani Regolamento numero: 607/2009, data: 26.082009 Regolamento sui centri e i metodi di trattamento dell'urea Secondo questo regolamento l'utilizzo di una madre surrogata o della maternità surrogata gestazionale è chiaramente legale.

Il processo di surrogazione è stato autorizzato in Georgia per più di 25 anni (dal 1997). La regolamentazione legislativa della surrogazione e della FIV in Georgia si basa su diversi atti normativi, tra cui la Legge "Sulla Sanità" (Articoli 141, 143, 144), la Legge "Sugli Atti Civili" (Articolo 30), la Legge "Sullo Status Legale degli Stranieri e delle Persone Apolidi" (Articolo 49 1), l'Ordine del Ministro della Giustizia "Sulla Registrazione degli Atti Civili" (Articoli 16 e 19), la Legge "Sui Diritti dei Pazienti" (Articolo 22), Ordine Congiunto dei Ministri della Giustizia e degli Affari Interni sulla partenza dalla Georgia dei bambini nati come risultato della FIV (surrogazione), adottato il 4 aprile 2016.

La maternità surrogata è il caso in cui una donna accetta di portare in grembo e partorire un bambino per conto di altre persone che diventano genitori legali. La maternità surrogata può essere un'alternativa per coloro che non possono avere figli biologici per vari motivi, come infertilità, solitudine, omosessualità o salute.

In Australia, la maternità surrogata è regolata a livello statale e territoriale piuttosto che a livello federale. Ciò significa che le leggi e i regolamenti possono variare a seconda del luogo di residenza della madre surrogata e dei genitori. Tuttavia, alcuni principi generali si applicano in tutto il Paese.